giovedì 29 settembre 2016

Cose da non perdere alla Notte Europea dei Ricercatori 2016

Qualche settimana fa vi avevo raccontato che il 30 settembre ci sarà la Notte Europea dei Ricercatori 2016, l'evento promosso dalla Commisione Europea e in Italia organizzato e coordinato da Frascati Scienza e da un bel numero di istituti di ricerca.

La Notte Europea dei Ricercatori 2016 ha come tema quello del MADE IN SCIENCE, ovvero l'intento è quello di presentare i prodotti della scienza come con un marchio di fabbrica; solo che, invece di avere un vero e proprio stabilimento industriale, i prodotti MADE IN SCIENCE sono praticamente sempre frutto dell'intelletto umano.

Ci saranno una marea di eventi in tantissime città italiane e, in questo post, vorrei indicarvi alcuni eventi che secondo me sono davvero da non perdere, per passare una serata diversa dal solito, nel segno della scienza, della curiosità e dell'appassionarsi a scoprire come funziona l'universo.

giovedì 15 settembre 2016

Gaia e il suo miliardo di stelle (evvai!)

Il 14 settembre 2016 sono stati resi pubblici i dati della missione ESA Gaia, evvai!
In questo post vedremo cos'è Gaia, come ha fatto a misurare le cose che ha misurato e cosa ci dicono i dati. Tenete comunque presente che questi sono solo i primi dati della missione; ovvero nei prossimi anni verranno resi pubblici dati sempre più aggiornati e inoltre, nel corso dei mesi prossimi, tantissimi astrofisici (non solo quelli legati strettamente alla missione Gaia) analizzeranno questi dati e quindi magari ne vedremo delle belle.
Ma ora facciamo un passo indietro e rispondiamo ad alcune domande.

Cos'è Gaia? 
Dunque, Gaia è un satellite dell'ESA che ha il compito di creare una mappa di più di un miliardo di stelle della nostra Via Lattea. Un miliardo è poco o è tanto? Tenete conto che la Via Lattea contiene un paio di centinaia di miliardi di stelle: quindi parliamo di un centesimo circa di tutte le stelle della Galassia. Ma non lasciatevi ingannare: Gaia rappresenta un passo in avanti gigantesco rispetto a tutte le precedenti missioni che avevano come scopo quello, appunto, di mappare la Via Lattea.
Nell'infografica qui sotto trovate tutti i dettagli della missione Gaia.

Crediti: ESA

mercoledì 7 settembre 2016

Perché i pianeti sono sferici?

Questa è proprio una bella e non affatto scontata domanda che mi è stata posta sulla pagina Facebook di Quantizzando (a proposito, avete già messo un bel Mi Piace?).
Si tratta di una cosa che sono certo ognuno di noi si è chiesto almeno una volta nel corso della propria vita e quindi ci vuole un bel post sul blog.

Se anche voi volete porre una domanda su questioni di astronomia, non abbiate timore di scrivermi al mio indirizzo email o sulla pagina Facebook o ancora su Twitter.

Ora proviamo a rispondere alla domanda.

Un montaggio di pianeti! (Crediti: NASA/JPL)

lunedì 5 settembre 2016

La Notte Europea dei Ricercatori 2016 #ern

Anche quest'anno, come ormai avviene fin dal 2005, torna dal 24 al 30 Settembre 2016 la Settimana della Scienza e, il 30 Settembre 2016 la Notte Europea dei Ricercatori, organizzata in Italia da Frascati Scienza: un evento imperdibile per tutti gli appassionati di scienza e tecnologia.

La Notte Europea dei Ricercatori è un'iniziativa promossa dalla Commissione Europea con l'obiettivo principale di creare un canale importante di comunicazione tra chi si occupa quotidianamente di scienza e ricerca da un lato e i cittadini dall'altro. Comunicare cosa fanno gli scienziati è diventata ormai una priorità essenziale, non solo come giustificazione per gli investimenti fatti, ma anche e soprattutto per stimolare le persone che non si occupano di scienza a gettare uno sguardo sulle meraviglie che ogni giorno vengono scoperte nei vari laboratori.
Inoltre, iniziative come quelle della Notte Europea dei Ricercatori permettono anche di aumentare la consapevolezza scientifica in un mondo purtroppo spesso molto confuso su cosa sia scienza per davvero (vicende come quelle dei vaccini tristemente insegnano).

sabato 3 settembre 2016

La sonda Juno ha osservato le aurore di Giove

[Se volete supportare il lavoro di divulgazione scientifica di Quantizzando, ora potete farlo su Patreon. La prossima volta potrebbe esserci il vostro nome qui, come gesto di profondo ringraziamento da parte mia, o potreste ricevere qualche gadget!]


La missione NASA Juno è una missione che, proprio in queste settimane, sta studiando in grande dettaglio il pianeta Giove, allo scopo di studiarne la composizione e il campo magnetico.
La sonda è stata lanciata il 5 Agosto 2011 ed è arrivata a destinazione il 4 Luglio 2016 (5 Luglio per noi in Italia): qua trovate un video del tragitto che ha dovuto fare.
Come vedete, non è stato esattamente un viaggio in autostrada, ma è stato necessario fare due "rotonde" impegnative (sempre dando la precendenza a chi sta già facendo la rotonda, ovviamente) attorno al Sole al fine di acquistare la velocità giusta per permettere a Juno di raggiungere Giove. Tale tecnica/tattica di fare un po' di giri prima di prendere l'uscita per la vera destinazione si chiama "fionda gravitazionale" e, se volete sapere come funziona, ve la racconto qua su Quantizzando in questo vecchio post.

Ma tornando al presente, gli amanti del film cult Ritorno al Futuro sicuramente ieri avranno avuto occasione di esclamare "Grande Giove!" (Great Scott nella versione originale, ma vabbè); infatti la sonda NASA Juno ha reso pubbliche alcune fresche immagini del gran pianeta gassoso del sistema solare. Tipo questa:

Crediti: NASA Juno

Questa è una delle prime immagini che la sonda NASA Juno ci ha mandato dopo il suo incontro ravvicinato di qualche giorno fa: è un'aurora al polo sud di Giove (per sapere come si formano le aurore, andate qui).
Prima di dire WOW sono certo ci siano un po' di  domande che sorgono spontanee, che sono sicuro tutti vi siete chiesti e a cui su Quantizzando prontamente rispondo (sennó guardiamo solo le foto e poi non ci capiamo una mazza). Vado: