mercoledì 11 maggio 2016

La galassia a cui gira il gas al contrario

A volte capita. Che ne so, problemi a lavoro, avete pestato la cacca di un cagnolino innocente, quello che vi ruba il turno alle Poste. Qualunque cosa sia, a chiunque può capitare che "girino".

Anche alle galassie.

Per esempio, prendete la galassia M64, chiamata anche NGC4826, oppure Galassia Occhio Nero, oppure Galassia Bella Addormentata. Sì, tutti questi nomi per la stessa galassia, scusate ma è colpa degli astrofisici. Comunque, tornando a noi, vediamo una foto, innanzitutto:

Credit: Michael Miller, Jimmy Walker



Beh, direte voi, che succede a questa galassia? Ecco, nella galassia ci sono le stelle e c'è il gas. In M64 accade che le stelle girano in un senso e il gas gira nell'altro. Cioè questa è la cosa da ricordare di questo post, ma in realtà non è esattamente così semplice.

Per avere maggiori dettagli, bisogna andare a recuperare un articolo scientifico del 1994 dove viene studiata la cinematica di questa galassia, cioè il moto di stelle e gas di M64.
Ora, prima di raccontarvi cosa c'è scritto nell'articolo dovete sapere una cosa: l'articolo di cui andrò a parlarvi è stato scritto da Vera Rubin. Avete capito bene, Vera Rubin, l'astrofisica che ha scoperto la materia oscura tramite la curva di rotazione delle galassie. Lo ammetto, io ho un debole per Vera Rubin e spero che prima poi le verrà assegnato il Nobel per il suo lavoro sulla materia oscura. Comunque sappiate che è solo un caso se parleremo di un risultato scientifico di Vera Rubin in questo post. Oh, lei è un'astrofisica bravissima e quindi giustamente il suo nome spunta fuori spesso.

Dunque, l'articolo di cui sto parlando è questo qui.
Quello che Rubin conclude nel suo articolo è che la cinematica di M64 è abbastanza complessa: per esempio nelle parti più interne, stelle e gas girano nello stesso verso; poi vi è una regione di transizione e nella parte più esterna stelle e gas girano in sensi opposti. Ora, Rubin spiega anche che questa configurazione della galassia non può essere dovuta da una qualche condizione iniziale, bensì bisogna intenderla come il risultato di un "secondo evento". Ovviamente, Rubin sta parlando di un merging, cioè uno scontro tra galassie.

L'importanza di tutto ciò è la seguente. Le galassie, principalmente, si dividono in ellittiche e spirali, anche in base a come si muovono stelle e gas.  Per esempio, per le spirali abbiamo che le stelle si muovono in un disco. Tuttavia, la storia dell'universo è piena di episodi in cui le galassie si scontrano e modificano le loro proprietà. Questi scontri, detti "merging" nel gergo astrofisico, portano ad una grande varietà di galassie che non sono nè puramente ellittiche nè puramente spirali, dal punto di vista cinematico della classificazione.

Perciò, in questo senso, M64 è davvero importante perché è una dimostrazione del risultato dell'incontro di due galassie. Infatti, questi fenomeni avvengono su scale del miliardo di anni e quindi non potremo mai vedere un merging in diretta. Quello che vediamo invece sono diversi merging in diverse fasi. Ora, però, fin quando vediamo un oggetto in cui sono visibili due componenti, allora è chiaro che siamo di fronte ad un merging. Nel caso di M64, invece, abbiamo una sola galassia e quindi solo le proprietà cinematiche ci possono dire qualcosa sulla storia di M64.

Insomma, Vera Rubin ha colpito ancora una volta, anche se alla galassia girava il gas al contrario.