mercoledì 5 marzo 2014

Sass(olin)i pericolosi

Prima di tutto un'informazione di servizio.
Un asteroide del diametro di 30 metri passerà stanotte ad una distanza di 350 mila chilometri dalla Terra, praticamente poco meno della distanza Terra-Luna (che mediamente è di 380 mila km circa). L'asteroide si chiama 2014 DX110.
La NASA afferma che non vi è alcun pericolo per il nostro pianeta.
Chi fosse interessato può osservare l'evento in diretta da qui: http://live.slooh.com.

Dopo questa informazione sarebbe giusto chiedersi: ci sono altri asteroidi nel sistema solare? A questa domanda rispondiamo immediatamente: ebbene sì, ci sono.
Domanda successiva: è possibile avere, che so, una foto, un'immagine o una qualche visualizzazione delle possibili minacce per il nostro pianeta? Certo!

Ecco qui una rappresentazione grafica delle orbite degli asteroidi che potrebbero incrociare il nostro "sguardo".


Questa è la mappa degli PHA (Potentially Hazardous Asteroids), ovvero degli asteroidi potenzialmente pericolosi e a rischio impatto sul nostro pianeta.
Comunque possiamo dormire tranquilli (si spera...) perché vi è in corso un continuo ed intenso monitoraggio delle orbite degli asteroidi (qui ad esempio la pagina della NASA a riguardo). Ovviamente la cosa non è semplice: questi sassi possono avere un diametro di pochi metri, ma anche di alcuni chilometri in certi casi. E dunque gli asteroidi vengono scoperti di volta in volta e di conseguenza catalogati.

Ma non c'è solo del marcio in tutto questo. Gli asteroidi sono degli esempi di piccoli pianetini. Si trovano nella fascia di spazio compresa tra le orbite di Marte e Giove. Studiare gli asteroidi dal punto di vista della loro composizione chimica, ad esempio, potrebbe essere molto importante per capirci qualcosa di più riguardo la formazione del Sistema Solare e quindi dei pianeti.

Nel frattempo, se la mappa di sopra non vi ha messo agitazione, potete godervi il passaggio del sassolino di 30 metri questa sera. Buona (tranquilla) visione!